ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE ITI E.BARSANTI-POMIGLIAN0 D'ARCO - POMIGLIANO D'ARCO (NA) - Classe 3° i

No al lavoro nero!

I vantaggi: diritti, garanzie e tutele del lavoro regolare.


L’argomento in un TWEET
Il lavoratore con regolare contratto gode di varie prestazioni sia durante il contratto stesso sia alla fine del rapporto di lavoro.
La ricerca VIDEO
L'approfondimento in un 300 PAROLE
Il contratto individuale di lavoro è un accordo tra un datore di lavoro (impresa individuale, società, associazione, studio professionale, etc.) ed un lavoratore, in cui il lavoratore si obbliga a mettere a disposizione del datore la sua attività lavorativa, manuale o intellettuale, e il datore si obbliga a pagare al lavoratore la retribuzione. Il contratto di lavoro è oneroso essendo necessaria l'esistenza di una retribuzione che è la naturale controprestazione all'attività lavorativa, sinallagmatico trattandosi di un contratto a prestazioni corrispettive (lavoro - retribuzione) e commutativo nel senso che la legge e i contratti collettivi stabiliscono l'entità delle prestazioni e controprestazioni.

Il lavoratore gode di varie prestazioni sia durante il contratto stesso sia al momento della fine del rapporto di lavoro per licenziamento o per naturale scadenza del contratto:

al lavoratore che ne fa richiesta spetta il pagamento dell’Assegno al Nucleo Familiare (ANF) in relazione al reddito complessivo del nucleo familiare e al numero di componenti.
in caso di malattia, regolarmente documentata all‘Inps (Istituto Nazionale della Previdenza Sociale) e al datore di lavoro, il periodo di assenza è coperto dalla prestazione di malattia.
per la lavoratrice dipendente che nel corso dell’attività lavorativa si trovi in stato di gravidanza, la normativa prevede l’astensione obbligatoria dal lavoro per 5 mesi, 2 prima del parto e 3 dopo la nascita del bimbo con indennità di maternità

il lavoratore che, per scadenza del contratto a termine o per il licenziamento, è in possesso di contributi contro la disoccupazione, a condizione che presenti apposita dichiarazione di disponibilità presso il centro per l ‘impiego, può richiedere all’Inps l’indennità di disoccupazione ordinaria.
se il lavoratore non raggiunge i requisiti previsti per la disoccupazione ordinaria, nell’anno successivo a quello in cui ha finito il lavoro può presentare domanda di disoccupazione con requisiti ridotti.
La BIBLIOGRAFIA
Internet, L.300/70, diritto del lavoro.
La ricerca per IMMAGINI
La vostra FOTO di classe
La MUSICA che rappresenta il tuo argomento
Le CURIOSITÀ sull'argomento
1

Il lavoro accessorio anche per minori/studenti può essere retribuito con i buoni lavoro e garantisce la copertura previdenziale.

2

il lavoro regolare garantisce sia il presente che il futuro

3

nel ns territorio purtroppoil fenomeno del lavoro nero è molto diffuso!